Sabato 19 ottobre alla Biblioteca Delfini per “Balcani d’Autore” le fumettiste Alice Milani e Silvia Rocchi che presentano la graphic novel Tumulto

In Incontri

Una nuova  interessante rassegna prende il via alla Biblioteca Delfini, si intitola Balcani d’Autore. Storie e immagini dal cuore dell’Europa e nasce nato dalla collaborazione tra Biblioteche del Comune di Modena, Istituto storico, EuropeDirect, Comitato per la Storia e le Memorie del Novecento e la Regione Emilia Romagna.

La rassegna prosegue poi sabato 19 ottobre alle ore 17 sempre in Biblioteca Delfini con le fumettiste Alice Milani e Silvia Rocchi che presentano la graphic novel Tumulto (Eris 2016), un viaggio nei Balcani in sella a una vecchia moto verso il fiume Drina. Dialoga con le autrici Stefano Ascari, Istituto storico di Modena.

Venerdì 8 novembre alle ore 18 in Galleria Europa è la volta della giornalista bosniaca Azra Nuhefendić che presenta Le stelle che stanno giù. Cronache dalla Jugoslavia e dalla Bosnia Erzegovina (Spartaco Edizioni 2011): diciotto cronache che narrano la vita di un paese che non c’è più e di un paese dal destino incerto, tra storia, ricordi, pregiudizi e stereotipi. L’incontro è accompagnato da letture di Michele Lisi, della Compagnia Stabile di Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dialoga con l’autrice Silvia Mantovani, Istituto storico di Modena.

Sabato 7 dicembre ore 17 la Biblioteca Delfini ospita il pluripremiato autore Sandro Veronesi con la sceneggiatura No Man’s Land (La Nave di Teseo 2016), ispirata dall’omonimo film Premio Oscar di Danis Tanovic e dove Sandro Veronesi racconta, con scrittura lucida e precisa, l’assurdità di una guerra fratricida nei Balcani. L’incontro è accompagnato da letture di Maria Vittoria Scarlattei e Daniele Cavone Felicioni, della Compagnia Stabile di Emilia Romagna Teatro Fondazione. Dialoga con l’autore Fabiano Massimi, Biblioteca Delfini.

A chiudere la rassegna venerdì 13 dicembre alle ore 18 in Galleria Europa è il giornalista e condirettore de Il manifesto Tommaso Di Francesco con la presentazione di Breviario jugoslavo. Colloqui con Predrag Matvejevic (Manifestolibri 2018). A dialogare con l’autore, Giuliano Albarani di Unimore.

Chi sono:

Elvira Mujčić è scrittrice, interprete e traduttrice. Nata in Serbia, ha vissuto in Bosnia, Croazia e infine a Roma. Ha pubblicato per Infinito Edizioni i libri Al di là del caos (2007), E se Fuad avesse avuto la dinamite? (2009) e La lingua di Ana (2012). Per Elliot ha pubblicato Dieci prugne ai fascisti (2016) e Consigli per essere un bravo immigrato (2019).

Alice Milani ha studiato pittura e incisione a Torino e a Bruxelles. Ha iniziato a fare fumetti e autoproduzioni con il collettivo La Trama. Con BeccoGiallo ha pubblicato Wisława Szymborska: si dà il caso che io sia qui (2015) e Marie Curie (2017). Per Eris Edizioni ha realizzato con Silvia Rocchi Tumulto (2016). Università e pecore: vita di Don Lorenzo Milani è il suo ultimo graphic novel, in uscita per Feltrinelli Comics (ottobre 2019). Dal 2017 è direttrice editoriale di Rami, la collana di fumetto di finzione di BeccoGiallo.

Silvia Rocchi è fumettista e illustratrice. Per BeccoGiallo ha pubblicato Ci sono notti che non accadono mai: canto a fumetti per Alda Merini (2012) e Tiziano Terzani (2013). Con Rizzoli Lizard sono usciti Il segreto di Majorana (2015) e Brucia (2017) con il quale ha vinto il Premio Boscarato 2018 come miglior autrice unica. Nel 2016 ha pubblicato con Alice Milani il graphic novel Tumulto (Eris Edizioni). Come illustratrice collabora con il Goethe Institut, Libera, Lo Straniero, Vice, Linus, Viaggi e Miraggi.

Azra Nuhefendic è una giornalista di Sarajevo. Dal 1980 al 1992 ha lavora presso la Radio Televisione di Belgrado. Dal 1995 vive e lavora in Italia, a Trieste. Collabora con varie testate, tra cui il Piccolo. Nel 1986 ha vinto il Premio annuale della RTV di Belgrado, per i suoi reportage sui minatori in Kosovo; nel 1989 il Premio nazionale per i servizi realizzati durante la rivoluzione in Romania; nel 2004 ha vinto il Premio “Dario D’Angelo”, riservato a giornalisti non italiani. Nel 2010 ha vinto il premio europeo Writing for CEE con il racconto Il treno.

Sandro Veronesi è scrittore e giornalista. Tra gli altri ha pubblicato: Gli sfiorati (1990), Occhio per occhio. La pena di morte in quattro storie (1992), Brucia Troia (2007, nuova edizione La nave di Teseo 2016), XY (2010), Baci scagliati altrove (2012), Viaggi e viaggetti (2013), Terre rare (2014), Non dirlo. Il Vangelo di Marco (2015) e Un dio ti guarda (La nave di Teseo, 2016). Pubblicato nel 2005 e vincitore nel 2006 del Premio Strega, Caos calmo (nuova edizione La nave di Teseo 2016) è stato tradotto in 20 paesi.

Tommaso Di Francesco è condirettore del quotidiano il manifesto. È stato per decenni inviato nei Balcani, su cui ha curato due saggi, Jugoslavia perché (Gamberetti 1995) e La Nato nei Balcani (Editori Riuniti 1999). Si è occupato di Libia e di Medio Oriente (è tra i curatori dell’antologia di poesia palestinese La Terra più amata, manifestolibri 2002), di Cina – ha pubblicato il saggio L’assalto al cielo, la Rivoluzione culturale (manifestolibri 2006) – e di Est Europa. È autore di due romanzi, di due libri di racconti e delle raccolte poetiche Incorpora testo (1994), Il buio della specie (1998), Via Latina (2012) e Reificar (2017). I suoi primi versi vennero pubblicati da Pier Paolo Pasolini su Nuovi Argomenti nel 1968.

Per informazioni:

Biblioteca Delfini tel. 059 2032940 www.comune.modena.it/biblioteche

Istituto Storico tel. 059 242377 https://www.istitutostorico.com

 

Mobile Sliding Menu