Ai Musei Civici è allestita la mostra “Io sono poesia. Parole sui muri”. Tra le iniziative collaterali una rassegna cinematografica

In Arte

IO SONO UNA POESIA. PAROLE SUI MURI e le arti negli anni Sessanta tra Modena e Reggio Emilia, la mostra sul vivace clima artistico e culturale che caratterizzò le due città è allestita ai Musei Civici ed è visitabile, a ingresso gratuito, fino al 5 maggio .

Con un’ampia selezione di opere, la mostra offre uno spaccato inedito del clima artistico e culturale che ha caratterizzato Modena e Reggio Emilia in una stagione cruciale della nostra storia contemporanea. “Io sono una poesia” è la seconda tappa di un’indagine volta a restituire il clima culturale e artistico tra Modena e Reggio Emilia negli anni ’50 e ’60, un periodo fertile per entrambe le città e caratterizzato da continui scambi e relazioni. Il primo step, sugli anni ’50, era stato affidato alla mostra “Incubi e sogni di provincia. Giorgio Preti e le arti a Modena e Reggio Emilia negli anni del miracolo economico”, organizzata tra il 2016 e il 2017 sempre ai Musei civici di Modena.

Sullo sfondo di un benessere diffuso, cambiamenti di stili di vita e dirompenti trasformazioni sociali culminate nel ’68, il variegato fermento creativo è evidente nelle arti visive e nel teatro, nella musica, nella poesia sperimentale, nel design, nell’architettura, nella grafica, nel fumetto e nell’animazione. La convergenza tra volontà istituzionali e ricerche individuali raggiunse un momento importante nel 1967-68 con l’evento di Fiumalbo “Parole sui muri”, la prima manifestazione nazionale di avanguardia diffusa a cui partecipano decine di artisti provenienti dall’Italia e dell’estero. Il loro lavoro collettivo per le strade del paese ne estende la partecipazione agli abitanti ed è proprio questo aspetto ad essere rievocato in mostra, vissuto dal pubblico in prima persona e riassunto nel titolo “Io sono una poesia”, frase presa a prestito da una performance della prima “Parole sui muri”. La mostra mira a restituire anche la dimensione partecipativa come connotazione sociale del vivere degli anni ‘60 e ‘70, attraverso pannelli e video. Il fulcro espositivo è rappresentato dall’invito a “diventare” un’opera d’arte entrando nel cerchio che ripropone l’“Omaggio a Piero Manzoni” di “Parole sui muri, ‘67”, che sarà il filo conduttore della promozione social #iosonounapoesia.

La mostra è visitabile gratuitamente da martedì a venerdì 9 – 12; sabato, domenica e festivi 10 – 13 e 16 – 19: chiusa i lunedì non festivi. www.museicivici.modena.it

Collegata alla mostra, è in corso presso la SalaTruffaut di Modena, la rassegna cinematografica Gli anni ‘60 stravolti. I capolavori indipendenti di Shirley Clarke a cura dell’Associazione Circuito Cinema.

 

Orari festività: Musei aperti anche a Natale e Santo Stefano e il primo dell’anno e l’Epifania. Chiuderanno, invece, lunedì 24 e 31 dicembre. Questi gli orari di visita, come sempre a ingresso gratuito, nei giorni delle festività natalizie e di fine e inizio anno: sabato 22 e domenica 23 dicembre 10-13 e 16-19; lunedì 24 chiuso; martedì 25, giorno di Natale, 16-19; mercoledì 26, Santo Stefano, 10-13 e 16-19; sabato 29 e domenica 30 dicembre 10-13 e 16-19; lunedì 31 chiuso; martedì 1 gennaio ore 16-19; sabato 5 e domenica 6 ore 10-13 e 16-19. Nei giorni feriali da mercoledì 2 a venerdì 4 gennaio 9-12.

 

Info: DIDA laboratorio didattico
Palazzo dei Musei, largo Porta Sant’Agostino 337, Modena
www.museicivici.modena.it

Viale Vittorio Veneto, 5

Mobile Sliding Menu