Il weekend del 20 e 21 ottobre la Sala Truffaut proietta il film “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini

In Cinema

Prosegue la programmazione della Sala Truffaut la sala d’essai modenese per eccellenza

Il weekend del 20 e 21 ottobre la Sala Truffaut proietta il film che ha sconvolto il pubblico di Venezia 2018.
Prima visione

Sulla mia Pelle

20/10 ore  21.15
21/10 ore  18.30 e  20.45

(Italia 2018) di Alessio Cremonini – 100′

L’emozionante racconto degli ultimi giorni di vita di Stefano Cucchi e della settimana che ha cambiato per sempre la vita della sua famiglia. Nei sette giorni che vanno dall’arresto alla morte, il ragazzo viene a contatto con 140 persone tra carabinieri, giudici, agenti di polizia penitenziaria, medici, infermieri. E in pochi, pochissimi, intuiscono il dramma che sta vivendo. Di tutta la vicenda, le polemiche, i processi, è l’ovvia ma allo stesso tempo penosa impossibilità di difendersi, di spiegarsi, da parte della vittima, ad aver toccato profondamente il regista, romano del 1973 già aiuto-regista per Ettore Scola e co-sceneggiatore per Saverio Costanzo: tutti possono parlare di lui, tranne lui. Il film è nato dal desiderio di strappare Stefano alla drammatica fissità delle terribili foto che tutti noi conosciamo, quelle che lo ritraggono morto sul lettino autoptico, e ridargli vita. Movimento. Parola. Il film è un modo di battersi, di opporsi alla più grande delle ingiustizie: il silenzio. Cremonini ha studiato diecimila pagine di verbale, cercando di capire le interpretazioni, di confrontare le dichiarazioni, spesso discordanti tra loro, dei testimoni e degli accusati. Il merito maggiore del film è di aver evitato ogni tipo di sensazionalismo, abbellimento o confezione accattivante: il racconto procede in modo essenziale, scarno, trascurando ogni particolare superfluo, non necessario. Grande la prova di Alessandro Borghi, che ha vinto un premio a Venezia. Di tutte le parole che negli anni sono state spese sul suo caso queste sono le più illuminanti: “Non è accettabile, da un punto di vista sociale e civile prima ancora che giuridico, che una persona muoia non per cause naturali mentre è affidata alla responsabilità degli organi dello Stato” (Giuseppe Pignatone, procuratore della Repubblica di Roma).

In occasione degli 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste
Il 24/10 alle ore 21.15 Prima visione

1938 Diversi

(Italia 2018) di Giorgio Treves – 62′

1938 – 2018: ottant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste. Un anniversario importante e purtroppo ancora molto attuale. Il film, che raccoglie testimonianze importanti e variegate, vuole raccontare che cosa comportò per gli ebrei italiani l’attuazione di quelle leggi e come la popolazione, ebraica e non, visse il razzismo e la persecuzione.
In occasione degli 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste

1938 – 2018: ottant’anni dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste. Un anniversario importante e purtroppo ancora molto attuale. Il film, che raccoglie testimonianze importanti e variegate, vuole raccontare che cosa comportò per gli ebrei italiani l’attuazione di quelle leggi e come la popolazione, ebraica e non, visse il razzismo e la persecuzione.

 

Sala Truffaut
Via degli Adelardi, 4 – Palazzo Santa Chiara
Modena
Tel. 059 236288 / 239222

INFO

 

Mobile Sliding Menu